Spedizioni gratuite da €90
EnglishGermanItalian
0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Pasta Il Mulino di Gragnano Scialatielli GR.500

2,90

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello

Spese di spedizione: gratis
Consegna prevista entro Giovedì 04/03

Il Mulino di Gragnano

SKU ALSGR02

SCIALATIELLI DI SEMOLA DI GRANO DURO DI GRAGNANO

Gli scialatielli sono una vera tipicità campana, un formato di pasta caratteristico di Amalfi per la precisione. Il Mulino di Gragnano propone il prodotto nella sua versione di semola di grano duro di Gragnano.

Questo formato di pasta è riconosciuto come PAT, ovvero prodotto agroalimentare tradizionale, tipico della Regione Campania. Si tratta di listarelle che in confronto agli spaghetti sono decisamente più corte, più larghe e di sezione rettangolare irregolare. 


SCIALATIELLI, LA STORIA

Il formato degli scialatielli ha una storia non particolarmente vecchia. Questa pasta è infatti nata nel 1978 per mano di uno chef, Enrico Cosentino, che ha presentato gli scialatielli ad un concorso culinario. Cosentino, grazie a questo innovativo formato molto versatile in cucina, vinse il premio entremetier dell'anno. Il termine "scialatiello" probabilmente deriva dall'unione di due parole: "scialare", che significa "godere", e "tiella", che invece significa "padella". Secondo un'altra interpretazione la parola potrebbe derivare anche da "sciglià", che significa "scompigliato": il piatto di scialatielli fumante potrebbe infatti assomigliare a un groviglio di capelli biondi scompigliati.


COME VENGONO FATTI GLI SCIALATIELLI

La produzione degli scialatielli, così come tutta la pasta di Gragnano, è abbastanza semplice. Gragnano in Corsa seleziona un ottimo grano pugliese, aggiungendoci la purissima acqua del Monte Faito, le migliori impastatrici e poi il pezzo che ha fatto la differenza: la trafila in bronzo. L’impasto viene pressato su questo componente che produce forme diverse di pasta lunga e corte con la caratteristica di essere rugose e ruvide. Porose, ideali per sughi alla maniera napoletana e campana e per salse di pomodoro. La capacità di assorbire i condimenti da parte di questi scialatielli è unica e inimitabile. Inoltre è una pasta che essicca a basse temperature, tra 40 e 80 °C. Più si allunga il tempo di essicamento, migliore sarà la qualità della pasta soprattutto in fase di cottura, mantenendo una bella tonicità e integrità della forma.